L’arredamento classico di una camera da letto prevede la presenza di un armadio, il letto, ovviamente, un comò e due comodini. Questa è la composizione classica, standard, cui si possono aggiungere complementi diversi in funzione dello stile, dei gusti e dello spazio disponibile, ad esempio aggiungendo uno specchio da terra, un indossatore, al limite anche un tavolino con uno specchio da tavolo per usare la camera da letto anche come spazio per il trucco, volendo. In molte camere, soprattutto in arte povera o in rustico, è anche bello un set da toeletta con la caraffa, il catino e lo specchio incorporato che riporta alla mente i tempi antichi in cui invece di usufruire del bagno, riservato alle necessità più intime e spesso distaccato dall’abitazione, per lavarsi al mattino si usava, appunto un catino in cui veniva versata l’acqua calda contenuta nella caraffa.

Ovviamente ai giorni attuali questo ha perso la sua funzione originale mantenendo, però, il suo fascino antico. Le ceramiche di questa componente che certo non si accorda con un arredamento moderno, può essere scelto tra le rinomate ceramiche di alcune aree italiane note per la loro raffinatezza e bellezza, tra cui ci piace mettere in risalto le ceramiche di Deruta, una località Umbra in cui tale tradizione è più che mai viva.

Tutta questa descrizione delle possibilità, affatto esaustive di tutte quelle possibili, può essere riferibile a spazi adeguati al fine di ospitare gli elementi d’arredo nella loro collocazione classica mentre se gli spazi sono ridotti occorre trovare soluzioni alternative che nel contempo rappresentino una soluzione anche esteticamente adeguata e con l’utilizzo, contemporaneamente, razionale degli spazi. Posizionare un letto troppo a ridosso dell’armadio significa da un lato vivere una condizione disagevole di spazio ma anche visivamente non piacevole da presentare e vivere quotidianamente. Una camera deve essere piacevole da vedere, piacevole da vivere, rilassante, non oppressiva. Come risolvere il problema, quindi, se ci si trova in questa situazione?

La soluzione funzionale

Un armadio a ponte può rappresentare una soluzione alla situazione che abbiamo prospettato, un modo per razionalizzare gli spazi senza rinunciare a nessun elemento ma rendendo più spaziosa e luminosa la camera da letto. L’armadio a ponte rappresenta, quindi vantaggi innegabili in termini di uso dello spazio ma anche la possibilità di creare una zona intima e raccolta in cui inserire il letto, avanzando parecchio spazio e senza limitare minimamente l’accesso all’armadio stesso, in una sorta di dialogo tra gli elementi principali della camera da letto. Questa scelta è praticamente obbligata soprattutto quando la presenza di porte, finestre o comunque la fruibilità delle preti è limitata.

Praticamente con una sola parete si può avere a disposizione tutto l’armadio e il letto, che diviene una sorta di penisola centrale dello stesso armadio. Vi sono soluzioni che permettono anche l’incorporazione dei comodini nello stesso spazio del ponte, magari anche con comodini mensola e anche vani aperti ad uso libreria. In un modo estremamente compatto si possono condensare più elementi della camera razionalizzando gli spazi e recuperando spazi di vivibilità anche in una camera piccola magari usando anche il cartongesso di rimini che fà tendenza.

In una camera di questo tipo, anche le luci hanno un’importanza fondamentale, devono essere discrete, funzionali ma non in mostra, ideale scelta è quella di faretti incassati e una luce a soffitto a plafoniera in modo da non ingombrare nemmeno lo spazio verticale. Per quanto riguarda i colori, questo dipende da cosa vuoi mettere in evidenza nella camera: se vuoi evidenziare la presenza del letto, conviene che l’armadio sia chiaro, in ogni caso in modo da non restringere otticamente la camera già limitata mentre il letto sarà previsto in tinta più scura, che sia in essenza o in tessuto. Se desideri un ambiente più armonico e visivamente ampio, scegli tonalità simili tra letto e armadio, non necessariamente identiche ma non totalmente dissonanti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *