In situazioni di emergenza sul luogo di lavoro è importante essere preparati a ogni evenienza, oltre ad agire in maniera tempestiva, perché potrebbe fare davvero la differenza per la persona infortunata coinvolta: è proprio per questa ragione che il primo soccorso nel luogo di lavoro ha un ruolo molto importante per la salvaguardia della sicurezza e della salute, in attesa dell’arrivo dei soccorsi più avanzati.

La guida Inail

A informare, trattare le normative e le modalità vigenti in atto inerenti al primo soccorso, è proprio la guida internazionale pubblicata dell’Inail, “Il primo soccorso nei luoghi di lavoro”, con gli aggiornamenti recenti e le linee guide della normativa italiana. Questo strumento, che si differisce per la facile praticità e consultazione, può essere fornito a tutti i lavoratori per potersi informare e venire preparati a riguardo.

Gli obiettivi

Una buona pratica di gestione dell’emergenza, le normative e le indicazioni per l’organizzazione è ciò che si troverà nella guide, al fine di preparare al meglio lo staff e far raggiungere gli obiettivi del primo soccorso, quali:

– Riconoscimento tempestivo delle situazioni di emergenza, valutazioni sullo stato della vittima e, se fosse necessario, richiesta di intervento immediato da parte dei soccorsi avanzati idonei;
– Prestare primo soccorso con competenze idonee;
– Placare la situazione di emergenza, evitando che possa peggiorare, in attesa dell’arrivo dei soccorsi avanzati.

I ruoli nell’emergenza

I ruoli all’interno della gestione di un’emergenza sono molti, e tutti i lavoratori devono assumere determinati comportamenti, oltre ad avere chiaro il proprio ruolo e la modalità di azione: questi ruoli vanno da chi scopre l’emergenza, chi deve allertare i soccorsi, a tutti i lavoratori presenti in quel determinato momento.

Come prepararsi al primo soccorso

Per acquisire questo tipo di informazioni, preparazioni e competenze, oltre alla guida dell’Inail, sarebbe necessario, per ogni lavoratore, prevedere:

– Distribuzione della guida, delle informazioni inerenti al primo soccorso e ai comportamenti a cui attenersi;
– Preparare, e far frequentare, dei corsi e incontri formativi in azienda o presso uffici competenti;
– Allestire sul luogo di lavoro la cartellonistica idonea riguardanti il primo soccorso, le pratiche basi e i numeri di telefono dei soccorsi avanzati, e eventuali segnalazioni di presenza di cassette di pronto soccorso o di qualsiasi altro presidio medico, e non, utile all’interno del luogo di lavoro.

Gruppi A, B e C

Per ogni tipologia di azienda, dove si prevede la formazione idonea attraverso i corsi, è previsto un determinato gruppo di corsi di formazione (A, B e C) a seconda dei fattori di rischio specifici legati al tipo di lavoro svolto, il numero di lavoratori all’interno dell’azienda, e l’attività svolta in generale.

Oltretutto, il datore di lavoro deve garantire particolari attrezzature e dispositivi di primo soccorso, a seconda delle tipologie di appartenenza. Per esempio, nei gruppi A e B devono essere garantiti la cassetta di primo soccorso e un mezzo di comunicazione idoneo che possa collegarsi direttamente ai soccorsi avanzati. Nei gruppi C, invece, oltre al mezzo di comunicazione ai soccorsi, anche un pacchetto di medicazione.

Addetto del primo soccorso

Oltre alla preparazione generale all’interno dell’azienda, il datore di lavoro dovrà indicare un lavoratore specifico che sarà incaricato come responsabile del coordinamento del primo soccorso, all’interno dell’azienda, in caso di situazioni di emergenza: questo, chiamato Addetto al primo soccorso, non potrà esimersi da questo compito, e dovrà dedicarsi a un corso apposito in modo tale che possa essere informato efficacemente, e in maniera esauriente, sulle modalità vigenti di soccorso direttamente da personale medico, che provvederà alla loro formazione con l’aiuto di personale specializzato e infermieristico.

Al termine della formazione, sarà poi effettuata una simulazione di pronto intervento e relativo test di apprendimento, rilasciando infine un attestato di partecipazione. Poiché le normative sono in continuo aggiornamento, la formazione dovrà essere effettuata ogni tre anni, obbligatoriamente.

Questi accorgimenti di primo soccorso faranno la differenza in caso di emergenza, e i coinvolti saranno aiutati al meglio!

Trovi tutti i dettagli sul sito di Saltech.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.